Vincere la timidezza, come fare

Vincere la timidezza

Premetto che la timidezza fa parte del nostro carattere, ci sono persone che “camuffano” bene questo sentimento e altre invece dove si manifesta in modo più evidente; la timidezza non è una malattia ma fa parte di noi come la rabbia, la paura e la gioia. Ora vediamo come vincere la timidezza con le donne.

Vincere la timidezza è come cercare di “reprimere” una parte di quello che siamo, nasconderci agli occhi degli altri, fortunatamente per casi “estremi” gli strumenti a nostra disposizione sono molti, dobbiamo solo avere la forza di cambiare le vecchie abitudini e gettarci nella mischia senza paura.

Come si fa a vincere la timidezza ?

Iniziamo con il seguire un regime di esercizi di forza di volontà, che ci aiuteranno nel superare questa barriera che oggi sembra insormontabile; possiamo dire che è fondamentalmente essere consapevoli che il nostro “blocco” deriva da tre elementi principali:

-Evitare di focalizzarsi troppo su te stesso.
-Autovalutazione troppo negativa (sia fisicamente che mentalmente).
-Pessimismo personale, giudicando tutte le nostre azioni in modo negativo e pensando che gli altri facciano lo stesso.

La tendenza di chi soffre di eccessiva timidezza, è quella di mettersi al centro dell’attenzione, come se fosse una lente di ingrandimento. Questo comporta uno stress che scatena la timidezza, ed è da considerarsi una delle cause principali di questo “limite” caratteriale.

Il rischio è una componente essenziale della nostra crescita; rischiare fa parte della vita di tutti noi, e mettersi in discussione e fare delle “figuracce” è importante per superare gli ostacoli futuri senza subire “scossoni” emotivi.

Tutti (anche i più spavaldi) hanno bisogno di un tempo di riscaldamento per prendere confidenza; ognuno di noi ha bisogno di un po’ di tempo per sentirsi a proprio agio in una determinata situazione. Le persone esageratamente timide hanno la tendenza a ricreare delle situazioni di routine, e questo non è un bene.

Per superare e vincere la timidezza dobbiamo “buttarci”, magari a piccoli passi, e comprendere che i “no” a volte fanno bene e sono tranquillamente superabili con un “si”.Leggi queste guide e rispondi alla domanda:
Accettati per ciò che sei.
Sfidati.
un passo per volta.
Sbagliando si imparerà.
Ridi.
Share